lunedì, giugno 09, 2008

Sottopancia



Ricordate le polemiche che qualche mese fa ci sono state sui sottopancia del tg1 da parte del figlio di una vittima del terrorismo (di lunedì mattina non riesco a ricordare chi era)su un ex esponente di Prima Linea intervistato come opinionista?
Il succo di chi, con sacrosanta ragione a mio avviso, si indignava è che non si poteva cancellare la storia, che in un Paese come il nostro con la memoria così corta chi fa informazione ha il dovere di ricordare... anche perchè un 'titoletto' letto durante un tg lo leggono tante persone che tante cose magari non le sanno proprio

A me è capitato di stupirmi, forse anche un po' arrabbiarmi, per un sottopancia del TG5 durante un servizio sull'omicidio di Marco Pittoni, il carabiniere ammazzato a Pagani durante una rapina alle Poste.
Veniva intervista Lucia De Palma-Torre. Il sottopancia del TG5 recitava 'moglie dell'ex sindaco di Pagani'. Che detta così, uno si chiede perchè la intervistano. Sarebbe bastato scrivere 'vedova dell'ex sindaco di Pagani, ucciso dalla camorra".

E sì, perchè Marcello Torre (nella foto pubblicata su dovrebbe essere il primo da destra in alto intorno al tavolo) era sindaco di Pagani nel 1980. Fu eletto il 23 novembre, lo stesso giorno dello sconvolgente terremoto dell'Irpinia, sconvolgente non solo per la terra- che fece cadere palazzi, scuole e tutto, ma anche e soprattutto per quello che ha significato nella ricostruzione e le infiltrazioni della camorra negli affari della ricostruzione.

Da subito Marcello Torre denunciò e contrastò quelle infiltrazioni e dopo neanche un mese, l'11 dicembre fu ucciso. Il mandante- secondo quanto ricostruito nei processi e confermato dalla Cassazione- fu il 'professore' Raffaele Cutolo, il capo della NCO (Nuova Camorra Organizzata). Marcello Torre era un Dc. Era un uomo scomodo nella Dc, basti pensare che dieci anni prima del suo omicidio aveva denunciato in un convegno le modalità con cui si stava realizzando la riforma agraria, che aveva dato la terra ai contadini, ma non i mezzi economici per gestire le attività e così in tanti erano finiti sotto usura, uno dei principali affari della camorra. Marcello Torre non aveva più di 50 anni quando è stato ammazzato.

A Pagani, la sua città, gli è stato dedicato lo stadio comunale. Ma credo, purtroppo, che il suo nome sia assai poco noto al di fuori dell'agro nocerino. Forse è poco noto anche in provincia di Napoli.

Se chi ha fatto quel sottopancia, avesse scritto 'vedova' e 'ucciso dalla camorra' avrebbe contribuito a fare memoria. Cosa di cui c'è sempre un gran bisogno. Questo mio post è un piccolo, piccolissimo modo per farlo

14 commenti:

Baol ha detto...

Bello! Gran bel post!

il Russo ha detto...

Fai bene, molti conoscono Nocera ma di Pagani e delle sue problematiche, che é lì ad un tiro di schioppo, molti addirittura ne ignorano l'esistenza, figuriamoci dei propri uomini migliori...

Dyo ha detto...

Piccolo ma importante.
Perchè per me, e per tanti altri, quel sottopancia era passato inosservato. Il nome di Torre, però, lo ricordavo vagamente: quando ci fu il terremoto in Irpinia ero grandicella.

stellastale ha detto...

@baol: grazie

@il russo: almeno così una decina di persone conosceranno questa storia ;)

@dyo: io avevo cinque anni e me lo ricordo bene... ancora ho tanta paura ogni volta che c'è una scossina

mariad ha detto...

per come le danno le notizie nei tg credo che nessuno ci avrebbe cmq fatto caso.
L'informazione ormai � tutto un mordi e fuggi senza nessun approfondimento, un affastellamento di eventi che scorrono veloci come flash e che non lasciano nessun tempo per riflettere.
mi chiedo a che serva questa informazione, a voltre dopo il tg mi pare di aver perso del tempo. Tanto tutto rimane uguale...
:(

BC. Bruno Carioli ha detto...

Nei tg l'informazione è finta.
Sono solo veicoli di orintamento..anzi di disorientamento.

stella ha detto...

Quoto bc. alla grande!

stellastale ha detto...

@mariad: io ci ho fatto caso, non credo di essere speciale. forse ci avrebbe fatto caso anche qualcun altro

@bc: non credosia finta. forse orientata, disorientante, ma finta no

@stella:valgonole stesse cose dette a bc

Gabriella Bellini ha detto...

Grazie, non sapevo di questo eroe di tutti i giorni e tu me lo hai fatto scoprire.

stellastale ha detto...

@gabriella: mi meraviglia davvero che tu non lo conoscessi... poi dici che eravamo noi gli stabiocentrici... il fatto che torre fosse dell'agro mica avrà influenzato la tua conoscenza vesuviano-centrica? piccolo sassolino, pardon!

Pellescura ha detto...

Mi sa che avremo sempre più bisogno di eroi e sarà un paese sempre più triste

stellastale ha detto...

@pellescura: credo che ci serva anche ricordarli gli eroi per non averne bisogno in futuro

Gabriella Bellini ha detto...

si si anche noi abbiamo i nostri eroi vedi Mimmo Beneventano http://gabriellabellini.blogspot.com/2007/11/mimmo-beneventano.html
e a volte io mi sono limitata troppo al vesuviano (stando coi zoppi si impara a zoppiccare), hai fatto bene ad aprirmi altri orizzonti.

stellastale ha detto...

@gabriella: non si zoppica solo. basta restare con gli occhi aperti e le orecchie aperte ovunque. è grazie a te che ho scoperto che il giorno in cui sono nata c'è stata la tragedia della flobert. si scrive così?