venerdì, luglio 04, 2008

Meme poetico

Ho scelto di 'incatenarmi' al meme di poesie che dyo ha rilanciato qualche giorno fa
ecco le regole
1- Scrivere il nome di almeno cinque poeti di ogni tempo e luogo dei quali si è innamorati.
2- Citare alcuni versi significativi di almeno uno dei poeti elencati.
3- In aggiunta o in alternativa al punto 2 citare almeno un PROPRIO componimento poetico, o anche soltanto alcuni versi di esso.
4- Per i veri patiti dell'arte poetica, sarebbe gradito un componimento, anche brevissimo, appositamente creato e pubblicato.
5- Infine incatenare altri bloggers raccomandando il rispetto di queste semplici regole
1- KOSTANTINOS KAVAFIS
soprattutto per la sua ITACA



Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d'incontri
se il pensiero resta alto e il sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo
né nell'irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l'anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga
che i mattini d'estate siano tanti
quando nei porti - finalmente e con che gioia -
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche aromi
penetranti d'ogni sorta, più aromi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca
- raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo,per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.

Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos'altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
Già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.


CATULLO
e i suoi baci



Viviamo, Lesbia mia, e amiamo
e non badiamo alle chiacchiere dei soliti vecchi troppo severi.
Il sole tramonta e poi risorge,
ma noi, una volta che il nostro breve giorno si è spento,
dobbiamo dormire una lunga notte senza fine.

Dammi mille baci, poi cento
poi altri mille, poi ancora cento
poi altri mille, poi cento ancora.
Quindi, quando saremo stanchi di contarli,
continueremo a baciarci senza pensarci,
per non spaventarci e perché nessuno,
nessuno dei tanti che ci invidiano,
possa farci del male sapendo che si può,
coi baci, essere tanto felici.


SAFFO
e la sua irraggiungibile mela
Quale dolce mela che su alto
ramo rosseggia, alta sul più
alto; la dimenticarono i coglitori;
no, non fu dimenticata: invano
tentarono raggiungerla.......

frammento 116

NERUDA
ho già detto in qualche post fa qual'era la mia preferita
Non t’amo se non perché t’amo
e dall’amarti a non amarti giungo
e dall’attenderti quando non t’attendo
passa dal freddo al fuoco il mio cuore.

Ti amo solo perché io te amo,
senza fine io t’odio, e odiandoti ti prego,
e la misura del mio amor viandante
è non vederti e amarti come un cieco.

Forse consumerà la luce di Gennaio,
il raggio crudo, il mio cuore intero,
rubandomi la chiave della calma.

In questa storia solo io muoio
e morirò d’amore perché t’amo,
perché t’amo, forse, a ferro e fuoco


RAFFAELE VIVIANI
scusate il campanilismo ;)


è vero che era grandissimo uomo di teatro, che rivoluzionò il linguaggio teatrale agli inizi del '900, orgoglio di ogni stabiese, ma in questi due testi qui, per me, riassume assai poeticamente il suo odio per la guerra e l'inizio della riscossa sociale di lui, un tempo scugnizzo

GUERRA E PACE
'Ntiempo 'e pace 'e marenare:
figlie 'nterra e varche a mmare.
'Ntiepo 'e guerra, juorne amare:
varche 'nterra e figlie a mmare.

Guerra e pace, pace e guerra:
se distrugge e cresce 'a terra.


GUAGLIONE
Quanno pazziavo ò strummolo,
ò liscio, è fiurelle,
a ciacce, a mazza e pìvezo,
ò juoco d''e ffurmelle,

stevo 'int''a capa retena
'e figlie 'e bona mamma,
e me scurdavo ò ssolito,
ca me murevo 'e famma.

E comme ce sfrenàvamo:
sempe chine 'e sudore!
'E mamme ce lavaveno
minute e quarte d'ore!

Giunchee fatte cu 'a canapa
'ntrezzata, pe' fa' a pprete;
sagliute 'ncopp'a ll'asteche,
p'annarià cumete;

po' a mare ce menàvemo
spisso cu tutte 'e panne;
e 'ncuollo ce 'asciuttàvemo,
senza piglia' malanne.

'E gguardie? sempe a sfotterle,
pè fà secutatune;
ma 'e vvote ce afferravano
cu schiaffe e scuzzettune

e a' casa ce purtavano:
- Tu, pate, ll'hè 'a 'mpara'!
E manco 'e figlie lloro
sapevano educà.

A dudece anne, a tridece,
tanta piezz''e stucchiune:
ca niente maie capèvamo
pecchè sempe guagliune!

'A scola ce 'a salavamo
p''arteteca e p''a foia:
'o cchiù 'struvito, ò massimo,
faceva 'a firma soia.

Pò gruosse, senza studie,
senz'arte e senza parte,
fernevano pè perderse:
femmene, vino, carte,

dichiaramente, appicciche;
e sciure 'e giuventù
scurdate 'int'a nu carcere,
senza pute' asci' cchiù.

Pur'io pazziavo ò strummolo,
ò liscio, è ffiurelle,
a ciacce, a mazze e pìvezo,
ò juoco d''e ffurmelle.

ma, a dudece anne, a tridece,
cu 'a famma e cu 'o ccapì,
dicette. - Nun pò essere:
sta vita ha da ferni'.

Pigliaie nu sillabario:
Rafele mio, fà tu!
E me mettette a correre
cu A, E, I, O, U.

forse il dialetto vivianeo è una barriera linguistica troppo alta... ma se vi va chiedetemi pure la traduzione!!!

poesie mie?? proprio non ne avrei... solo due versi scappati una volta alla mia tastiera.. scusate la banalità della rima baciata

sono la paura di non essere amata
sono l'orgoglio di non esserlo mai stata


nomination?... violo la regola: si incateni chi vuole!!!!

6 commenti:

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Io mi ero già incatenato a modo mio ma l'avevo fatto!

Belle scelte: io adoro Neruda.

Dyo ha detto...

Questi sono gli autoincatenamenti che uno dovrebbe portare avanti. :)
Sai, mi sa che devo approfondire Kavafis, spesso incontrato in rete.
E i tue due versi sono molto ma molto significativi.
Grazie. :)

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Poesie molto belle....
Complimenti

fabio r. ha detto...

che bella scoperta viviani! grazie

il Russo ha detto...

Bello, ma rinuncio alle catene per palese pigrizia!

stellastale ha detto...

@daniele: lo so ed ho apprezzato

@dyo: e continuano ad essere veri

@schiavi o liberi: grazie

@fabio: credimi, è veramente un grande

@ilrusso: te pigro? ma se sei il blogger più prolifico che conosco!!!