venerdì, aprile 25, 2008

post personale

questo è uno di quei post che alla fine scrivo solo per me
per ricordarmi una serata
perchè a raccontarla ci perderebbe sicuramente d'atmosfera
per fissarla in qualche modo
nel mio tempo
e in questo posto che è mio e di chi ci passa volentieri
perchè forse ci tengo a raccontarla
e per chi non capisse le parole copio e incollo anche il testo
e per chi manco il testo riuscisse a comprendere- perchè obiettivamente i 24 grana oltre che in dialetto usano un determinato linguaggio in dialetto- basta chiedere
forse qualche risposta riuscirò anche a darla!



Accireme
si nun' o ssaje so' semp io che avveleno a parlà
e fosse pe' me,
pure 'e muntagne te facesse purtà.
Comme chi se vo' fa e pensa sulo a piglià,
siente a me, senza 'e te posso sulo affunnà
si 'na sora Rosà si me viene a piglià
sto tutto a piezze e perciò

nun è pe' niente buono
nun è pe' niente buono
nun è pe' niente buono

Accireme,
stive cu me chella sera o' bivio 'e Miano
stive luntana e te guardavo, cammenavo e nun parlave
diceve e nun dicive, je parlavo e nun capive.
E cammenanno cammenavo,
io parlavo e nun parlavo,
e te vulevo cchiù vicina

nun è pe' niente buono
nun è pe' niente buono
nun è pe' niente buono

niente 'e buono

3 commenti:

L ha detto...

Mi fa piacere leggere questi pensieri suscitati dalla musica. Anche per me è così.

Ciao,
L.

stella ha detto...

Mi sono ritrovata nel dialetto.Ciao

stellastale ha detto...

@l: a me questa musica ricorda una bella serata e soprattutto una bella persona. a te che ricordi suscita?

@stella: il dialetto?.... di dove sei?